15 – Gates/Retro Instruments STA-LEVEL

Il compressore Gates/Retro Instruments STA-LEVEL

Il compressore Gates/Retro Instruments STA-LEVEL

Raro, costoso e con un aspetto simile al cruscotto di un carro armato della seconda guerra mondiale, l’originale Gates STA-Level ha definito il suono di quasi tutta la radio pop anni ’60.

Infatti la musicalità dei suoi tempi di attacco e di rilascio non lineari, insieme al timbro dell’apprezzatissimo circuito valvolare, ha reso questo processore uno dei più amati. Il suo pannello anteriore è dotato solo di due manopole e due interruttori e compete in semplicità con rivali del calibro di Teletronix LA-2A. Ulteriori confronti tra STA-Level e LA-2A servono solo a mostrare quanto siano diversi i due: mentre l’LA-2A è innegabilmente più flessibile, lo STA-Level è dotato di un corpo, personalità e colore che l’LA-2A non riesce ad offrire.

Applicato alle voci, può fare cose utili e talvolta sorprendenti; può far letteralmente cantare chitarre acustiche; e può rivitalizzare il suono di synth poco brillanti.  Ma sono le linee di basso a trarre il maggior beneficio dall’utilizzo dello STA-Level: offre un’iniezione di steroidi ai suoni più deboli, rendendoli più grandi, robusti ed aggressivi.

Conosciuto ed utilizzato più dai produttori americani che dagli europei, lo STA-level si è cominciato ad affermare seriamente in tutto il mondo solo dopo circa 50 anni grazie ad una riproduzione fedele ad opera della Retro Instruments, acquistabile qui.

Una sua emulazione su plugin è lo Sknote STA-limit, acquistabile qui.